Ipoteca: tutto quello che c’è da sapere

Redazione Ciak! Prestiti & Mutui 8 marzo 2010 0

L’Ipoteca è un diritto accordato ad un creditore, che generalmente viene individuato nella banca, di espropriare i beni vincolati a garanzia del suo credito e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dall’espropriazione.

Differenti sono i beni che possono risultare sottoposti ad un’ipoteca, i quali possono essere di proprietà del debitore, ma anche di un terzo, nei confronti del quale la banca può ugualmente esercitare il diritto di espropriazione. Si diceva, l’ipoteca può sorgere su:

  • Beni immobili;
  • Diritti reali di godimento sugli immobili (diritto di superficie, enfiteusi, usufrutto, uso, abitazione e servitù);
  • Beni mobili iscritti su pubblici registri (autoveicoli, navi, aerei, rendite dello Stato).

Essa avviene, diversamente dal pegno, tramite l’iscrizione ai pubblici registri, ed è regolata dagli articoli 2808 e seguenti del Codice Civile. Tuttavia, è bene distinguere fra tre tipologie di Ipoteca, che andiamo a descrivere separatamente: volontaria, giudiziale, legale.

IPOTECA VOLONTARIA
E’ il caso indicato per quanto riguarda la stipula di un mutuo: si tratta di un contratto unilaterale, sottoscritto dal debitore, o dal terzo datore d’ipoteca, i quali permettono alla banca di esercitare il diritto d’esproprio qualora questo risultasse necessario.

Per quanto concerne i tempi, solitamente la banca impiega all’incirca dieci giorni prima di rendere disponibile la cifra del mutuo al cliente: il tempo, questo, necessario per realizzare il ‘consolidamento dell’ipoteca’.

IPOTECA GIUDIZIALE
Secondo la legge, tale tipologia di Ipoteca si attua al verificarsi di “ogni sentenza che porta condanna al pagamento di una somma o all’adempimento di altra obbligazione ovvero al risarcimento dei danni da liquidarsi successivamente”.

In definitiva, è il giudice a decidere il sorgere di questa modalità, la quale può essere attuata anche dinanzi ad una semplice fattura non pagata, tramite un decreto ingiuntivo.

IPOTECA LEGALE
Iscritta anch’essa all’interno del Registro Immobiliare, questa è l’eventualità meno comune. Essa si verifica dinanzi a precisi casi regolati dalla legge: solitamente, parliamo di mancati pagamenti dinanzi a beni venduti, oppure a debiti rimasti in sospeso.

Viene utilizzato il mezzo dell’ipoteca legale come garanzia e come tutela a carico dei contribuenti che risultino inadempienti di crediti dell’Agenzia delle Entrate.

Concludendo, è bene sapere che anche in caso di vendita del bene, il nuovo proprietario entrerà in possesso di un bene gravato da Ipoteca. Il bene si trasmette agli eredi, e ciascuno di essi è tenuto “ipotecariamente per l’intero”.

Ma come estinguere l’ipoteca? Essa viene annullata tramite la cancellazione del Registro Immobiliare, che può passare per queste casistiche:

  • Estinzione dell’obbligazione garantita;
  • Rinuncia espressa e redatta per iscritto del creditore all’ipoteca;
  • Vendita forzata della cosa ipotecata;
  • Perimento della cosa;
  • Spirare del termine ventennale senza rinnovazione.

di Matteo Aldamonte
[Immagine – MutuoPrestito]

Leave A Response »